Biografia

Franco Longo nasce a Salerno il 18 dicembre del 1945, consegue il diploma presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli, è stato docente di Discipline Pittoriche presso il Liceo Artistico di Salerno.

Nel 1965 allestisce una mostra personale presso la Galleria La Seggiola di Salerno.

Nel 1968 realizza con Pietro Lista il film Alterazione per un suicidio , tratto dall’happening omonimo realizzato a Cava ‘de Tirreni

Nel 1969 allestisce una mostra personale alla Galleria Einaudi 691.

Nel 1973 partecipa alla II Rassegna Incontri Internazionali d’Arte, presso l’Azienda di Soggiorno e Turismo di Salerno. .

Nel 1975 é invitato alla X Quadriennale d’Arte, La Nuova Generazione, Palazzo delle Esposizioni, Roma, nell’ambito della quale, attraverso materiali multimediali, enuncia la citazione HIC ET NUNC,e definisce l’attraversamento spazio/tempo mediante una proiezione continua.

Realizza il disco Tempo Imparziale, LP 33, con testo critico di Filiberto Menna.

Installazione di una mostra personale presso la Galleria Taide di Mercato San Severino, Salerno.

Partecipa a Full Time a Reggio Calabria.

Partecipa alla Rassegna Napoli Situazione 75, introduzione al catalogo di G. Pedicini; cfr. Enrico Crispolti, Arti visive e partecipazione sociale, Bari, De Donato, 1980.

Nel 1976, in occasione del XIX Festival del Cinema di Salerno, realizza a Cava de’ Tirreni l’happening Non c’è più firmamento, da cui viene tratto il film La stella di vetro.

Nel 1977 allestisce al Lavatoio Contumaciale di Tomaso Binga, in Roma, un environnement Sublimazione, il Tempo dell’irreversibile.

Continuando il suo lavoro attraverso l’uso del video, dà vita ad una nuova serie di Video-tapes, tra cui Spazio Fluido, presentati in occasione della mostra personale alla Galleria La Seggiola di Salerno.

Partecipa all’ Arte Fiera di Bologna, con la Galleria La Seggiola di Salerno, nel 1978.

Nel 1979 personale alla Galleria Taide, Salerno, video installazione.

Arte Fiera di Bologna, Installazione in piazza della Costituzione di un telone di cm 1500×200 recante la scritta WHAT YOU ARE THINKING IN THIS MOMENT IS ART.

Nel 1981 è segnalato da Filiberto Menna nel Catalogo Bolaffi Arte Grafica n.11.

Partecipa all’Expo Arte di Bari con la Galleria Taide di Salerno.

Nel 1982 partecipa alla Rassegna Spazio Video, presso l’EPT di Salerno.

Allestisce la mostra personale presso lo Studio Trisorio di Napoli, Sogno d’amore sull’ipotenusa, con testo critico di Antonio d’Avossa.

Partecipa a Differenza Video, Rassegna Internazionale di video d’artista, presso lo Studio Trisorio di Napoli.

Nel 1983 è presente alla Rassegna Spazio Video II, Palazzo S.Massimo, Salerno.

In settembre partecipa all’Annual Living Room Video Festspiel ‘83, Salling, Danimarca.

In ottobre partecipa a Video C.D.83, Cankarjev Dom, Ljubliana, Yugoslavia.

Nel 1984 allestisce al Castello Arechi di Salerno, la mostra personale Amor Sacro, amor profano, testo critico di Rino Mele.

Partecipa alla Rassegna L’Immaginario Tecnologico, Museo del Sannio, Benevento.

E’ a cura di Rino Mele il testo sulle opere video: Franco Longo La pittura trasferita, Studio Trisorio, Napoli.

Nel 1985 partecipa ad Art Media, Rassegna internazionale di Estetica del Video e della Comunicazione, a cura di Mario Costa, Università agli studi di Salerno.

Nel 1986 è invitato alla Rassegna U-Tape, Palazzo dei Diamanti, Ferrara.

Nel 1989 allestisce nell’ Auditorium S.Giovanni di Dio di Salerno, una mostra personale con la pubblicazione del volume, Vizio e malinconia della pittura di Michele Bonuomo, Edizioni Gabriele Mazzotta, Milano.

E’ invitato alla rassegna TECHNETTRONICA, Laboratorio di Estetica dei Media e della Comunicazione, a cura di Mario Costa, e presenta i video Horror vacui, 1980, Labirinto, 1986, La Condition Humaine, 1986. San Giorgio a Cremano, Napoli

Nel 1990 MASP, Galleria La Seggiola 1965, Sào Paulo, Brasile.

E’ del 1992 Artifex , mostra personale presso l’Auditorium S.Giovanni di Dio, Salerno.

Libro dei Versi e delle Figure, 1992, Avagliano Editore, Cava de’ Tirreni.

E’ del 1993 Solfuro di mercurio, mostra personale presso il Tempio di Pomona, Palazzo Arcivescovile, Salerno.

Nel 1994 è invitato presso il Musée Municipal de Saint-Paul, Francia dove allestisce una mostra personale con presentazione in catalogo di un testo poetico di André Verdet: Prestiges d’une peinture.

Rino Mele, Via della stella, disegni di Franco Longo, Avagliano Editore, 1994.

Nel 1996 allestisce una mostra personale presso il Lazzaretto, ex Ospedale S. Maria della Pace, Napoli, col patrocinio della Regione Campania e del Comune di Napoli. Catalogo-monografia a cura di

Rino Mele e Massimo Oldoni. cfr.Terzoocchio trimestrale d’arte contemporanea Bologna n.81, testo Paola Guerrini.

1997 Nell’ambito della XIII settimana per i Beni Culturali, Soprintendenza Archeologica

di Salerno, nella Villa Romana di Sava di Baronissi, Salerno, mostra La discesa agli inferi, di Franco Longo e Pietro Lista.

Nel 1999 allestisce a Villa Carrara, Salerno, La cripta e il cielo, mostra patrocinata dal Comune di Salerno, Catalogo Ripostes con versi e testo critico di Rino Mele.

2000 Arte sulla Passione, Convento San Francesco Giffoni Valle Piana (SA).

2000 Con…fronti CerAmici, Chiesa S.Apollonia, Salerno.

2001 XI Scientific week “MUSIS” University La Sapienza Rome, Lavatoio Contumaciale Roma.

Nel gennaio 2002 allestisce la mostra personale Corpus, presso lo STUDIO 34, Salerno, catalogo con testo di Rino Mele.

Pubblicazioni settimanali di disegni, in collaborazione con il quotidiano Roma il Salernitano. In agosto-settembre partecipa alla rassegna Furore dolce dell’arte, con testo di Rino Mele, Costa d’Amalfi.

2002 Percorsi creativi STUDIO 34, Salerno

2003 A cura dell’Università degli Studi di Salerno, mostra alla Galleria Il Catalogo di Salerno Apparizione della nave.

Partecipazione alla rassegna Immagini & Scene, a cura dell’associazione Compagnia Scenidea, presso la Chiesa di S.Apollonia, Salerno.

Nell’ambito del Civita Festival 2004 presenta la video installazione Labyrinthus a Civita Castellana, a cura della cattedra di Estetica dell’Università di Salerno.

Hypegallery Milano, HISS-PUNCH-OUT dicembre 2005, white noise Hypegallery Milano Hypegallery Berlino, Hypersensivity, settembre 2006

2006 Mostra personale “Suspension” Galleria Selezioni d’Arte, Salerno

2007 Mostra personale, Malinconia della musa – Compagnia delle indie Salerno

2007 Eterno femminino – Hotel Convento S.Michele, Salerno

2007 Il Castello Sospeso Metamorfosi di terre e fuoco Scuderie del Castello di Castellabate

2008 Opus mostra personale B ART gallery, MILANO

2009 Mostra MuseMuseo,antico convento Spirito Santo Pellezzano, SA

2010 Untuffonelvino , Video installazione Aqua Vitae e libro d’artista, Castel dell’Ovo, sala Posillipo, NAPOLI2010 SCRIPTORIUM – libro d’artista Palazzo Vanvitelliano Mercato San Severino SA

2010/2011 Opere di Luce Plaza Galleria Mercato San Severino, SA

2011 FORNACE FALCONE, Festa del Fuoco 2011, “12 artisti per 12 tele”.

2011 Partecipazione al DRAWING CONNECTIONS , SIENA ART INSTITUTE

founded by Paul Getty III, 24 settembre, 22-28 ottobre.

2011 Franco Longo “il Cavallo e l’Aquila” Porta Sirena Paestum Salerno

2011 Franco Longo “Icaro precipita a teatro” Palazzo Genovese, antiche scuderie, Salerno

2012 WHAT YOU ARE THINKING IN THIS MOMENT IS ART, photo, collezione Davis Museum, The Davis Lisboa Mini-Museum of Contemporary Art in Barcelona, Spagna.

2013 Museo Città Creativa di Ogliara Salerno, ORIZZONTI DIFFERENTI – Linee di una spiritualità a cura di Giada Caliendo.

2013 MARTE – MEDIATECA ARTE EVENTI, FRANCO LONGO “Mythografia” 5/21 aprile Cava de’ Tirreni SA.2013 Partecipa a LO SPAZIO DI TAIDE, mostra documenti, opere, testimonianze 1974 – 1976,

a cura di Massimo Bignardi e Giuseppe Rescigno , con la video installazione HIC ET NUNC , F.R.A.C. MUSEO FONDO REGIONALE D’ARTE CONTEMPORANEA, Baronissi (SA)

2013, 45 ceramiche di 45 centimetri a cura della Fornace Falcone testo critico Rino Mele Linee contemporanee Salerno